La commozione di Giulia

Confessa a Garrison di soffrire per la distanza del padre e lui la invita a ballare  come se il partner fosse lui

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle
Tags , , ,

8 Commenti per La commozione di Giulia

  1. Arianna scrive:

    Sono rimasta dispiaciuta per Giulia.
    Noi non possiamo assistere a tutto ciò che succede giornalmente nella scuola, perciò io mi auguro che sia stata proprio la ragazza a lanciare dei messaggi del tipo….”vorrei parlarne”…. Perchè se così non fosse :-((((
    Per ciò che ho visto io, non ho notato questa sua propensione ad esternare pubblicamente :-((

  2. Ale scrive:

    Tra l altro ormai ste lezioni stanno diventando più delle sedute dallo psicologo, mettete nelle varie stanze dei lettini così i ragazzi si sdraiano, parlano dei loro problemi, i prof ascoltano e basta…Fate prima

  3. Ale scrive:

    Sono fermamente convinta, e lo ribadisco, che i ragazzi, sia di amici, che di u&d ecc…Vengano presi dalle case di accoglienza, oh, tutti che hanno alle spalle tragedie greche, ce ne fosse uno,e dico uno,che dice: io sto bene,vengo da una famiglia normale,unita ecc mai!!!! Ma basta oh, fatela finita che in TV a nessuno o frega dei fatti vostri,fatevi vedere per altro.

  4. Arianna scrive:

    Perché?
    :-(((

  5. Cora scrive:

    Non voglio commentare né Giulia (in questo caso) né tutti gli altri ragazzi per i loro problemi personali.
    Preferisco vedere un’esibizione senza sapere, non voglio essere influenzara nel mio giudizio
    Il cuore, il cervello e i sensi sti ragazzi devono farmeli vibrare unicamente con la loro esibizione non per altro.

    • Cora scrive:

      Se sviscerare ballando o cantando i loro “buchi neri” servirà per fare un’esibizione migliore allora ben venga, ma a me interessa il risultato finale, non i fatti loro
      Se un’attrice sul palco recita meravigliosamente una scena tragica l’apprezzo come attrice, non m’interessa minimamente sapere se per riuscire a recitarla così stesse pensando a una sua tragedia familiare.

      • Arianna scrive:

        Cora, io credo che se veramente volessero il bene di questi ragazzi, li aiuterebbero sì, ma in privato. Voglio dire, non credo siani tutti uguali, c’è chi ama mettersi in piazza e chi no.
        Non sono tutti Riccardini.
        C’è chi imposta il percorso sia dall’inizio sulla base di pianti, lamentele, confessioni private…. Ma non sono tutti così, c’è chi ama la privacy.